Home Notizie Ultime notizie La Voce del Padre - Chi siamo NOI?

PostHeaderIcon La Voce del Padre - Chi siamo NOI?

Ultime notizie
Insieme. Questo nostro camminare insieme ci invita a chiederci: chi siamo noi? Perché questo camminare insieme e non da soli?
Le risposte possono essere tante, anzi tantissime, ma senza perderci nel vago, anche se rientra nella mentalità del nostro tempo, andiamo al concreto; la più importante risposta credo sia questa: siamo delle persone — uomini, donne — anziani, bambini, giovani, con la nostra personalità irripetibile.
Non veniamo dall’ammasso, tanto meno andiamo all’ammasso, lasciamo questo linguaggio ai regimi totalitari, noi preferiamo rimanere con la nostra irripetibile personalità, perché creati da Dio a sua immagine e somiglianza, redenti da Gesù Cristo, unico mediatore fra Dio e l’uomo.
SigilloSi tratta di scoprire che questo nostro essere è un dono del Padre celeste Iddio. Nella nostra individualità abbiamo in comune: la figliolanza divina, l’immortalità, l’intelligenza, la ragione, la volontà. 
Per questo, qualunque sia la nostra condizione sociale, di salute, di età, splende in noi, anche se non visibile, la luce divina: bontà, amore-carità, socialità, purché questa luce divina non rimanga offuscata da una vita disordinata, egoistica e superba. Ascoltiamo la parola di Dio: « Se toglierai di mezzo a te l’oppressione, il puntar il dito e il parlare empio, se offrirai il pane all’affamato, se sazierai chi è digiuno, allora brillerà fra le tenebre la tua luce, la tua oscurità sarà come il meriggio». (Isaia, 50- 8/11).
Quando all’uomo viene negata la libertà, qualunque sia la sua condizione, è un oppresso. Non pensiamo soltanto ai regimi totalitari; entriamo in casa nostra, dentro la nostra coscienza e controlliamo; andiamo nelle famiglie, sui posti di lavoro, negli uffici, nelle fabbriche, nei vari cantieri: quanti di noi sono veramente liberi e quanti di noi lasciano brillare questa meravigliosa luce che il Padre ha messo dentro di noi?
Pensiamo, cari amici, a tanti esseri umani che hanno diritto ad essere curati e non lo sono, a quelli concepiti nel seno materno che hanno diritto alla vita e sono barbaramente uccisi; dico barbaramente, perchè è l’egoismo prepotente del più forte che elimina il debole per paura che gli tolga le comodità, che non possa più fare spreco degli averi e della vita. E questo avviene con il benestare anche delle leggi italiane e con l’approvazione di tantissimi che si dicono cattolici e violano i diritti essenziali di Dio e dell’uomo. Se è vero, come si dice, che in Italia la stragrande maggioranza (90 %) è cattolica, come è stata approvata la legge sull’aborto?
Ora si fanno paladini in difesa della vita nel mondo. E l’Italia è già fuori del mondo? Solo Dio, creatore e Signore, può liberare e salvare i suoi figli. Non diremo qui che cosa ha fatto Dio per l’uomo, questa sua preferita creatura, perché manca lo spazio: ne parleremo nel prossimo numero.
Per ora pensiamo al grande dono della nostra esistenza e troveremo tanti interrogativi sul come noi la viviamo e quale uso ne facciamo. •
Questo ed altri articoli sul numero di Febbraio 2019 (presente in archivio)
puoi ricevere il Periodico direttamente a casa 
contattaci qui:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
o qui : Contatti
 
Agenda eventi
<<  Maggio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Login
Chi è online
 43 visitatori online